Eventi e Spettacoli - Michele Zizzari

Vai ai contenuti

Menu principale:

Eventi e Spettacoli

Prossimi appuntamenti e spettacoli

venerdì 21 settembre 2018 - ore 20.30
alla Bottega Bertaccini di Faenza
Corso Giuseppe Garibaldi, 4

presentazione del libro
Favole per un mondo possibile
di Michele Zizzari

Una raccolta di racconti dalle mille sfaccettature,
scritto per ragazzi, ma destinato anche agli adulti…

pubblicata da L’Arcolaio Editore di Forlì
prefazione dello scrittore Daniele Serafini
illustrazioni di Anna Maria Garavini

interverranno
lo scrittore Daniele Serafini
e l’autore Michele Zizzari

---------------------------------------------------------

Sabato 22 settembre 2018 - ore 21.00
il Circolo La Rimbomba di Bertinoro
via Mainardi 14

presenta
Moto Neopoetico Sonoro
spettacolo poetico musicale

testi e voce di Michele Zizzari
e la partecipazione straordinaria di Chris Rundle

cantautore e musicista di origine inglese fondatore della  Chris Rundle Band  


Poesia e Musica sono antidoti allo strapotere omologante dei media e delle mode. Suoni e parole di un’irriducibile autonomia espressiva per sfuggire al condizionamento del mercato generalizzato delle idee, dell’arte e dei sentimenti; per dare suono e voce alle più profonde aspirazioni umane e mostrare la palpitante verità oltre le veline dell’apparenza.
Moto, perché movimento, onda e istanza di cambiamento, moto ribelle, rivolta, arrevuoto. Neopoetico, perché suono, parola, linguaggio, ritmo, semantica (si spera contagiosi) di mutamento e ribaltamento. Sonoro, perché alla poesia si fonda la musica dal vivo e alla musica la poesia, come voci inscindibili del ritmo e del messaggio.
Moto Neopoetico Sonoro
è animato da differenti moti poetici, interpretativi e sonori, d’umore e di senso; e alterna la lirica all’ironia e a una satira che sconfina nel cabaret, la meraviglia alla bestemmia, il sussurro all’urlo, la melodia al ritmo sincopato, il delirio visionario alla cruda realtà… C’è poi un contenuto partenopeo, poiché figlio di una Terra in tumulto, dove l’incanto, il canto e la protesta non si arrendono mai… dove l’odore del caffè, del basilico e del mare si mischiano a quello della povertà, del sangue e delle discariche… dove le contraddizioni sociali del Mondo sono le vene aperte e sanguinanti di un Sud nel bel mezzo del cosiddetto Occidente avanzato.


-------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Settimana del Buon Vivere 2018 di Forlì
l’Ausl della Romagna, il Dipartimento di Salute Mentale
e il Centro Diurno Psichiatrico di via Romagnoli di Forlì,
in collaborazione col Centro Diego Fabbri di Forlì


Venerdì 28 Settembre 2018 – ore 20.30
Palco Centrale Cittadella del Buon Vivere
 
Piazza Guido da Montefeltro, 12 a Forlì

presentano il volume
A teatro. In compagnia

interverranno:
Bruna Zani
(autrice del libro, docente di psicologia e Presidente Istituzione Minguzzi di Bologna),
Claudio Ravani (psichiatra, Direttore del DSM dell'AUSL della Romagna),
Maria Francesca Valli (Coordinamento Istituzione Minguzzi e Progetto Regionale Teatro e Salute Mentale),
Cristina Bonifacci (psicologa co-autrice del volume)
e Michele Zizzari (regista della Compagnia Il Dirigibile)

e a seguire, alle ore 21.15  LA TERAPIA DEL FULMINE
evento letterario musicale di Wu Ming Contigent
voce di Wu Ming 2,
chitarra di Egle Sommacal,
basso e synth di Yu Guerra,
batteria e sampler di Cesare Ferioli


A teatro. In compagnia descrive un movimento unico in Italia: i Teatri di Salute Mentale in Emilia Romagna, attraverso la storia di tre Compagnie davvero speciali, perché formate da attori che sono anche utenti psichiatrici del Servizio Sanitario pubblico, diventati grazie a questo Progetto protagonisti del palcoscenico. Il libro coglie il senso più profondo di queste esperienze teatrali.

La Terapia del fulmine
è il racconto di ottant’anni di elettroshock, attraverso musiche, testimonianze, carte processuali, pagine di diario e testi originali composti per l’occasione dalla formazione Wu Ming Contigent.


INGRESSO GRATUITO

                           ----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

per i mercoledì del
Magazzino Parallelo di Cesena

mercoledì 3 ottobre 2018 – ore 20.30
in via Genova, 70

presentazione del libro
Favole per un mondo possibile
di Michele Zizzari

Una raccolta di racconti fantastici dalle mille sfaccettature,
scritto per ragazzi, ma destinato anche agli adulti…


pubblicata da L’Arcolaio Editore di Forlì
prefazione del poeta Daniele Serafini
illustrazioni di Anna Maria Garavini

interverranno
Andrea Fantini (del Magazzino Parallelo),
lo scrittore
Daniele Serafini e l’autore Michele Zizzari

Note sull’autore - Michele Zizzari (10/11/1958, Castellammare di Stabia – Na; www.michelezizzari.it). Autore di opere teatrali, poetiche e narrative, fonda le sue radici nel sociale e nei movimenti culturali e politici del ’77. Ha animato centri sociali e spazi  dell’underground italiano e partecipato a prestigiose manifestazioni culturali e artistiche di rilievo nazionale e internazionale, ricevendo importanti riconoscimenti. Conduce esperienze teatrali con studenti d’Istituti d’Istruzione Primaria, Secondaria e Universitaria, con giovani a rischio, utenti psichiatrici, migranti e detenuti, per le quali ha elaborato un suo metodo d’intervento particolarmente efficace; e tenuto numerosi laboratori di Scrittura Creativa. Dirige la Compagnia Il Dirigibile fondata con utenti psichiatrici del DSM di Forlì, dove ha anche dato vita alla Compagnia della Rocca con detenute e detenuti della Casa Circondariale.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

per iniziativa dell’Associazione La Vela,
del Comune e del Museo della Marineria di Cesenatico

sabato 20 ottobre 2018 - ore 16.30
Sala Conferenze - Museo della Marineria di Cesenatico
in via Armellini, 18

presentazione del libro
Favole per un mondo possibile
di Michele Zizzari

Una raccolta di racconti fantastici dalle mille sfaccettature,
scritto per ragazzi, ma destinato anche agli adulti…


pubblicata da L’Arcolaio Editore di Forlì
prefazione del poeta Daniele Serafini
illustrazioni di Anna Maria Garavini

interverranno
il Sindaco di Cesenatico,
Herbert Poletti dell’Associazione La Vela,
lo scrittore Daniele Serafini e l’autore Michele Zizzari

seguirà piccolo buffet in compagnia dell’autore e degli ospiti

------------------------------------------------------------------


in occasione dell’edizione 2018 del Festival Màt
e della Settimana della Salute di Modena

venerdì 26 ottobre 2018 – ore 19.00
al Drama Teatro di Modena
viale Buon Pastore, 57

la Compagnia Il Dirigibile
formata da ospiti e operatori del Centro Diurno di via Romagnoli
del Dipartimento di Salute Mentale di Forlì

presenta
Vite senza permesso,trame migranti

testo e regia di Michele Zizzari



L’opera è dedicata a Mandiaye Ndiaye (regista senegalese e attore del Teatro delle Albe di Ravenna scomparso prematuramente nel 2014) e a Emmanuel Chidi Namdi, migrante nigeriano barbaramente ucciso nel 2016 a Fermo per razzismo.

Si ringrazia la giornalista Manuela Foschi per il libro-inchiesta Vite senza permesso edito dalla EMI, dal quale abbiamo preso in prestito il titolo e la storia di Mandiaye Ndiaye.

Contenuti - Una sequenza di quadri e suggestioni sceniche, canzoni e coreografie che raccontano storie reali del nostro tempo, aspirazioni, speranze, illusioni, delusioni e le molteplici motivazioni che spingono popoli e persone a emigrare.
Un intreccio di esperienze umane che ha come protagonisti le odissee più o meno fortunate dei Nessuno di adesso, di quelli che continuano ad attraversare mari, confini e terre per trovare nuovi orizzonti alla propria esistenza, per sete di conoscenza, per scampare alla guerra e alla persecuzione, o semplicemente per necessità, come per il passato è toccato a tanti italiani.


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

venerdì 22 novembre 2018 – ore 21.00
al Teatro Auditorium "Rita Levi Montalcini"
di Mirandola (Mo)

la Compagnia Il Dirigibile
formata da ospiti e operatori del Centro Diurno di via Romagnoli
del Dipartimento di Salute Mentale di Forlì

presenta
Vite senza permesso,trame migranti

testo e regia di Michele Zizzari



L’opera è dedicata a Mandiaye Ndiaye (regista senegalese e attore del Teatro delle Albe di Ravenna scomparso prematuramente nel 2014) e a Emmanuel Chidi Namdi, migrante nigeriano barbaramente ucciso nel 2016 a Fermo per razzismo.
Si ringrazia la giornalista Manuela Foschi per il libro-inchiesta Vite senza permesso edito dalla EMI, dal quale abbiamo preso in prestito il titolo e la storia di Mandiaye Ndiaye.

Contenuti -
Una sequenza di quadri e suggestioni sceniche, canzoni e coreografie che raccontano storie reali del nostro tempo, aspirazioni, speranze, illusioni, delusioni e le molteplici motivazioni che spingono popoli e persone a emigrare.
Un intreccio di esperienze umane che ha come protagonisti le odissee più o meno fortunate dei Nessuno di adesso, di quelli che continuano ad attraversare mari, confini e terre per trovare nuovi orizzonti alla propria esistenza, per sete di conoscenza, per scampare alla guerra e alla persecuzione, o semplicemente per necessità, come per il passato è toccato a tanti italiani.



------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

per iniziativa della Consulta Comunale per il Volontariato di Cesenatico,
del Centro Servizi per il Volontariato della Provincia Forlì-Cesena,
del Dipartimento di Salute Mentale dell’Ausl di Forlì,
del Centro Diego Fabbri e del Comune di Cesenatico

martedì 4 dicembre 2018 - ore 21.00
al Teatro Comunale di Cesenatico

la Compagnia Il Dirigibile
formata da ospiti e operatori del Centro Diurno di via Romagnoli
del Dipartimento di Salute Mentale di Forlì

presenta
Natale in Casa Cupiello
di Eduardo De Filippo

scenografie a cura della stessa Compagnia

collaboratori tecnici e di scena
Laura Trolli, Cinzia Tonelli, Franco Tomasini


riduzione e regia di Michele Zizzari

Con Natale in Casa Cupiello De Filippo racconta il vissuto di una famiglia napoletana che si dibatte tra povertà, immaturità culturale e psicologica, mediocrità e incomunicabilità; per mostrare l’inadeguatezza delle relazioni parentali dentro la famiglia tradizionale, compreso un matrimonio obbligato e fallito che porta al tradimento e a un epilogo tragico, che raggiunge il suo culmine a Natale. Una commedia di umorismo tragico, dove le trovate irresistibili, la macchietta e la maschera si mescolano a tensioni umane profonde, legate a una convivenza logora e forzata, priva d’ascolto e di dialogo. In tutto questo il presepe – alla cui costruzione il protagonista Luca Cupiello si dedica ossessivamente – rappresenta il contrappasso, la metafora, l’antidoto alla triste e opprimente quotidianità, il tentativo di negare la realtà e di isolarsi. Ma alla fine la vita reale s’impone producendo una lacerazione definitiva, svelando l’adulterio che la figlia ha compiuto e mostrando la famiglia come luogo di sofferenza e conflitto.


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------


giovedì 10 gennaio 2019, ore 21.00
e venerdì 11 gennaio 2019, ore 10.30

Cinema Teatro Mac Mazzieri
di Pavullo nel Frignano (Mo)

la Compagnia Il Dirigibile
formata da ospiti e operatori del Centro Diurno di via Romagnoli
del Dipartimento di Salute Mentale di Forlì

presenta
Natale in Casa Cupiello
di Eduardo De Filippo

scenografie a cura della stessa Compagnia

collaboratori tecnici e di scena
Laura Trolli, Cinzia Tonelli, Franco Tomasini

riduzione e regia di Michele Zizzari


Con Natale in Casa Cupiello De Filippo racconta il vissuto di una famiglia napoletana che si dibatte tra povertà, immaturità culturale e psicologica, mediocrità e incomunicabilità; per mostrare l’inadeguatezza delle relazioni parentali dentro la famiglia tradizionale, compreso un matrimonio obbligato e fallito che porta al tradimento e a un epilogo tragico, che raggiunge il suo culmine a Natale. Una commedia di umorismo tragico, dove le trovate irresistibili, la macchietta e la maschera si mescolano a tensioni umane profonde, legate a una convivenza logora e forzata, priva d’ascolto e di dialogo. In tutto questo il presepe – alla cui costruzione il protagonista Luca Cupiello si dedica ossessivamente – rappresenta il contrappasso, la metafora, l’antidoto alla triste e opprimente quotidianità, il tentativo di negare la realtà e di isolarsi. Ma alla fine la vita reale s’impone producendo una lacerazione definitiva, svelando l’adulterio che la figlia ha compiuto e mostrando la famiglia come luogo di sofferenza e conflitto.









 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu