Vite senza permesso, trame migranti - Michele Zizzari

Vai ai contenuti

Menu principale:

Vite senza permesso, trame migranti

Sinossi delle opere

Vite senza permesso, trame migranti


Vite senza permesso, trame migranti: uno spettacolo sui popoli migranti, tra l'altro dedicato all’attore e regista senegalese Mandiaye Ndiaye deceduto nel 2014 e a Emmanuel Chidi Namdi, barbaramente ucciso per razzismo da due balordi italiani nel 2016 a Fermo. Una sequenza di quadri e suggestioni sceniche, canzoni e coreografie che raccontano storie reali del nostro tempo, le aspirazioni, le speranze, le illusioni, le delusioni e le molteplici motivazioni che hanno spinto e spingono popoli e persone a emigrare. Un intreccio di esperienze umane che ha come protagonisti le odissee più o meno fortunate dei Nessuno dei nostri tempi che, proprio come il mitico Ulisse, continuano ad attraversare mari, confini e terre straniere per trovare nuovi orizzonti alla loro esistenza, per sete di conoscenza, per scampare alla guerra e alla persecuzione o semplicemente per necessità, come per il passato è toccato a tanti italiani.

L’opera viene messa in scena al Teatro Testori di Forlì dalla
Compagnia Fuori di Classe, formata da attori della Compagnia Il Dirigibile e studenti del Liceo Scientifico Statale di Forlì. Una nuova versione dell’opera dal titolo Vite senza permesso, trame migranti (ispirato all’omonimo libro inchiesta della giornalista Manuela Foschi edito dalla EMI) è rappresentata nel 2017dalla Compagnia Banco di Prova, formata da attori del Dirigibile e da studenti del Liceo Psicopedagogico e delle Scienze Umane di Forlimpopoli, sempre nell’ambito del Progetto Un palcoscenico per tutti promosso dal Dipartimento di Salute Mentale e dal Centro Diego Fabbri di Forlì.
Lo spettacolo viene poi portato in scena direttamente dalla Compagnia Il Dirigibile al Teatro Comunale di Cesenatico, al Drama Teatro di Modena per il Festival Màt e per la Settimana della Salute 2018 e al Teatro Aula Magna Rita Levi Montalcini di Mirandola (Mo) per la Stagione Teatrale 2018/2019 dell’ATER.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu